News

Riparazione prodotti e riduzione rifiuti: c’è l’accordo Ue

di Francesco Petrucci

Data 03/02/2024
Tipo Aggiornamento normativo
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente

Parlamento europeo e Consiglio Ue hanno raggiunto, in base a quanto comunicano le istituzioni il 2 febbraio 2024, un accordo provvisorio sulla proposta di direttiva che aggiorna le regole sul diritto alla riparazione dei prodotti per produrre meno rifiuti.

La proposta di direttiva, affiancandosi alla direttiva sulla garanzia dei beni di consumo 2019/771/Ue (recepita col Dlgs 170/2021) ha lo scopo di rendere la riparazione di un prodotto più conveniente e interessante per i consumatori, nell’ottica anche di produrre meno rifiuti. In particolare le norme prevedono la possibilità di chiedere al produttore di riparare prodotti tecnicamente riparabili ai sensi del diritto dell’Unione.

Coinvolti dalle nuove regole sono solo quei prodotti per i quali la legislazione dell’Unione stabilisce requisiti di riparabilità (cioè dire lavatrici, lavastoviglie, frigoriferi o aspirapolvere). In futuro, la Commissione europea potrà introdurre requisiti di riparabilità per i nuovi prodotti, attraverso il futuro regolamento “madre” sulla progettazione ecocompatibile attualmente in fase di approvazione definitiva e i regolamenti delegati per filiera di prodotti. Secondo la proposta di direttiva i consumatori avranno diritto ad avere informazioni chiare sulle condizioni di riparazione, sul tempo per completare i lavori, nonché sui prezzi, prodotti sostitutivi.

Sarà istituita una piattaforma europea per agevolare l’incontro tra domanda e offerta (tra riparatori e clienti) ed è introdotta un’estensione di 12 mesi della garanzia dopo la riparazione di un prodotto.

Ti potrebbero interessare
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Riparazione, diritto dei consumatori al rush finale

Con il via libera definitivo del Consiglio Ue del 30 maggio 2024 che arriva dopo quello del Parlamento, si è…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Veicoli fuori uso, chiarimenti su nuovo registro unico telematico

Il Ministero delle Infrastrutture ha diramato istruzioni operative per l'utilizzo del Registro unico telematico dei veicoli fuori uso (Rvfu) obbligatorio…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Tassa rifiuti, calcolo per ambito territoriale

La copertura dei costi del servizio di gestione rifiuti tramite la tassa rifiuti (Tari) va calcolata a livello di Ambito…

Leggi adesso arrow_right