News

Schema di regolamento Ue, tutti gli imballaggi riciclabili entro 2030

di Francesco Petrucci

Data 01/12/2022
Tipo Aggiornamento normativo
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente

Un aggiornamento della normativa Ue sugli imballaggi nel segno del riciclo di qualità entro il 2030 è quello oggetto della proposta di regolamento licenziato dalla Commissione Ue il 30 novembre 2022.

Lo strumento legislativo usato, dunque, non è quello della direttiva (analogamente alla normativa vigente, la direttiva 94/62/Ce) ma quello del regolamento, norma direttamente applicabile negli Stati membri senza necessità di recepimento. Il provvedimento aggiorna il quadro legislativo dell’Unione in materia di imballaggi e rifiuti di imballaggio offrendo agli Stati membri e alle imprese un sostegno adeguato per raggiungere gli obiettivi di riduzione dei rifiuti. Ambizioso quello proposto dalla proposta di regolamento: al 2040 ridurre i rifiuti di imballaggio pro capite per Stato membro del 15% rispetto al 2018.

Per raggiungere lo scopo, la proposta di regolamento da un lato spinge sul riciclo di alta qualità con l’obiettivo di rendere tutti gli imballaggi riciclabili entro il 2030: a questo scopo si agisce sulla progettazione ecocompatibile e sull’introduzione di tassi vincolanti di contenuto riciclato che i produttori dovranno includere nei nuovi imballaggi di plastica. Si promuove inoltre il riuso, creando sistemi vincolanti di vuoti a rendere su cauzione per le bottiglie di plastica e le lattine di alluminio. Conferma per i target 2025 e 2030 di riciclo degli imballaggi già previsti dalla normativa vigente (allegato E alla Parte IV, Dlgs 152/2006).

Parallelamente alla proposta di regolamento la Commissione ha anche approvato la comunicazione “Quadro politico dell’Ue sulla plastica a base biologica, biodegradabile e compostabile”. L’obiettivo della comunicazione è migliorare la comprensione di questi materiali e chiarire dove queste plastiche possono apportare reali benefici all’ambiente, a quali condizioni e in quali applicazioni. Così facendo la comunicazione mira a guidare i cittadini, le autorità pubbliche e gli operatori economici nelle loro decisioni di intervento, acquisto o investimento.

Link norme di riferimento

Proposta di regolamento Parlamento europeo e Consiglio Ue sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio, che modifica il regolamento 2019/1020/Ue, la direttiva 2019/904/Ue e abroga la direttiva 94/62/Ce
Presentato dalla Commissione europea il 30 novembre 2022 (Testo in inglese)

Comunicazione Commissione Ue 30 novembre 2022
Quadro politico dell’Unione sulla plastica a base biologica, biodegradabile e compostabile – Testo in inglese

La riduzione della plastica tra diritto Ue e norme italiane

Direttiva Parlamento europeo e Consiglio Ue 2019/904/Ue
Direttiva sulla riduzione dell’incidenza di determinati prodotti di plastica sull’ambiente – Riduzione della plastica monouso (cd. direttiva “Sup” – Single use plastics)

Direttiva Parlamento europeo e Consiglio Ue 94/62/Ce
Imballaggi e rifiuti di imballaggio

Ti potrebbero interessare
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Rifiuti, preparazione per riutilizzo semplificata in dirittura d'arrivo

L'Italia ha notificato all'Ue la nuova versione dello schema di regolamento che semplifica l'esercizio delle operazioni di preparazione per il…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Spedizioni rifiuti, verso stop tra Paesi Ue per smaltimento

Il 17 gennaio 2023 il Parlamento Ue ha adottato la propria posizione negoziale in vista della discussione con Consiglio Ue…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Biometano da rifiuti, via alle regole applicative

Approvate con decreto direttoriale 13 gennaio 2023, n. 13 le regole applicative per gli incentivi per la produzione di biometano…

Leggi adesso arrow_right