News

Un nuovo Pil che considera anche l’impatto ambientale

di Circularity

Data 16/03/2021

Il concetto di capitale naturale supera il principio per cui la natura rappresenta la nostra fonte di materie prime per la produzione, per includere il ruolo dell’ambiente e degli ecosistemi nel sostenere il benessere umano attraverso la fornitura di beni e servizi fondamentali come acqua pulita, terreni fertili e preziose risorse genetiche.

Sulla base di questo concetto, le Nazioni Unite hanno inaugurato una nuova concezione della ricchezza globale e dopo oltre 50 anni dal celebre discorso di Robert Kennedy sul PIL, L’economista Elliott Harris ha presentato alla stampa un nuovo indicatore che includerà allo stesso tempo dati economici e ambientali.
L’obiettivo di questa iniziativa è quello di misurare il benessere non più soltanto servendosi solo dei parametri del Prodotto Interno Lordo, ma allargando la rilevazione anche ai temi ambientali, con l’obiettivo di portare il tema della sostenibilità al centro del delle scelte politiche ed economiche dei Paesi.

In quest’ottica, l’Onu ha annunciato l’adozione del nuovo sistema di contabilità SEEA EA, acronimo di System of Environmental-Economic Accounting—Ecosystem Accounting  con l’obiettivo di avere “un impatto significativo sugli sforzi per affrontare le emergenze ambientali come il cambiamento climatico e il declino della biodiversità”.  Il quadro SEEA segue una struttura contabile simile a quella del Sistema dei conti nazionali (SNA): utilizza concetti, definizioni e classificazioni coerenti con lo SNA al fine di facilitare l’integrazione delle statistiche ambientali a quelle economiche. Il SEEA è un sistema multiuso che genera un’ampia gamma di statistiche, conti e indicatori con molte diverse potenziali applicazioni analitiche. 

Pensato per essere una guida per integrare i dati economici, ambientali e sociali in un quadro unico e coerente per il processo decisionale olistico, i SEEA considera, tra i diversi fattori:

 class=

i flussi monetari associati alle risorse utilizzate in agricoltura, silvicoltura e pesca, e i fattori ambientali correlati

 class=

le transazioni relative alle attività intraprese per preservare e proteggere l’ambiente, come la fornitura e l’uso di beni e servizi di protezione

 class=

i conti delle emissioni atmosferiche relative alla generazione di emissioni e all’emissioni di accumulo generate da famiglie e industrie

 class=

l’area totale di ciascun ecosistema, le condizioni delle risorse, e la “contabilità” relativa a biodiversità, cambiamenti climatici, oceani e aree urbane.

 class=

il ruolo dell’energia all’interno dell’economia, lo stato degli input energetici e le transazioni legate all’energia

 class=

le quote mutevoli dei diversi usi del suolo, come gli impatti dell’urbanizzazione, l’intensità della produzione agricola e animale, il rimboschimento e la deforestazione

Le risorse della natura non figurano ancora nei calcoli della ricchezza dei Paesi. 

Secondo il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ”Se vogliono avere la possibilità di un futuro sostenibile, le nazioni devono iniziare a soppesare il costo del profitto economico rispetto ai danni all’ambiente”. Il capo dell’Onu ha sottolineato che “l’economia globale è aumentata di quasi 5 volte negli ultimi 50 anni, ma la crescita ha avuto un costo enorme per l’ambiente.”

Un appello che arriva mentre è in corso il terzo United Nations World Data Forum (UNWDF) della Statistical Commission dell’Onu che dovrebbe deliberare un nuovo quadro statistico per misurare la prosperità economica e il benessere umano e che include i contributi della natura.

Ti potrebbero interessare
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Riciclo plastica, novità in arrivo nel Ddl Bilancio 2023

Secondo quanto previsto dallo schema di Ddl di Bilancio 2023 al vaglio delle competenti Istituzioni, sono in arrivo incentivi per…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Qualità dell'aria, lontani dagli obiettivi 2030

Anche gli ecosistemi subiscono i danni da inquinamento, con livelli dannosi di azoto rilevati nel 75% degli ambienti Ue, dati…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Schema di regolamento Ue, tutti gli imballaggi riciclabili entro 2030

Un aggiornamento della normativa Ue sugli imballaggi nel segno del riciclo di qualità entro il 2030 è quello oggetto della…

Leggi adesso arrow_right