News

Agg. Norm 8 Agosto 2019

Data 29/07/2019

La direttiva 2019/1161/Ue modifica e migliora la direttiva 2009/33/Ce stabilendo obiettivi minimi in materia di appalti a livello nazionale al 2025 e al 2030 per autovetture e furgoni green (per l’Italia 38,5%) nonché per autocarri (per l’Italia 10% al 2025 e 15% al 2030) e autobus (per l’Italia 45% al 2025 e 65% al 2030). Tra i servizi che sono coinvolti nell’obbligo di appalti verdi per i veicoli c’è anche il servizio di raccolta rifiuti.

Il testo include una nuova definizione di “veicolo pulito”, che si basa per i veicoli leggeri sulle norme in materia di emissioni di CO2, con una soglia di emissioni di CO2 pari a zero a partire dal 2026, e per i veicoli pesanti sull’uso di combustibili alternativi. Inoltre, sono previsti obiettivi secondari per gli autobus a emissioni zero. La direttiva va recepita dagli Stati membri entro il 2 agosto 2021. Ricordiamo che la direttiva 2009/33/Ce è stata recepita col Dlgs 3 marzo 2011, n. 24 e che il Dm 8 maggio 2012 ha fissato i criteri ambientali minimi per l’acquisto di veicoli a parte della P.A.

Ti potrebbero interessare
Sostenibilità è anche una comunicazione che si pone in continuità tra passato e futuro

Sostenibilità è anche una comunicazione che si pone in continuità tra passato e futuro

Leggi adesso arrow_right
Discariche chiuse: no ai piani di emergenza interna se hanno seguito tutte le prescrizioni del Dlgs 36/2003

Discariche chiuse: no ai piani di emergenza interna se hanno seguito tutte le prescrizioni del Dlgs 36/2003

Leggi adesso arrow_right
Conai, riduzioni contributi acciaio, alluminio, carta, plastica e vetro

Dal 1° luglio 2022 sono in vigore le nuove riduzioni del Contributo ambientale Conai per gli imballaggi in acciaio, alluminio, carta, plastica e vetro.

Leggi adesso arrow_right