News

Agg.Normativo n.2 Luglio 2019

di Redazione Rete Ambiente

Data 16/07/2019

Le regole stabilite dalla decisione della Commissione europea 2019/1004/Ue del 7 giugno 2019, in esecuzione dell’articolo 11-bis della direttiva 2008/98/Ce (introdotto dalla direttiva 2018/851/Ue), si applicano al calcolo degli obiettivi di preparazione per il riutilizzo e il riciclaggio dei rifiuti urbani fissati per il 2025 (almeno il 55% in peso), il 2030 (almeno il 60% in peso) e il 2035 (almeno il 65% in peso).

La disciplina in questione, che stabilisce i punti di calcolo e di misurazione, prevede, di norma, che vengano computati i rifiuti all’atto della immissione nell’operazione di riciclaggio. Gli Stati membri, tuttavia, possono decidere di misurare i rifiuti in uscita dopo qualsiasi operazione di cernita, a condizione che dal computo totale vengano comunque detratti gli scarti delle operazioni precedenti il riciclaggio e che i rifiuti in uscita dalla cernita vengano effettivamente riciclati.

Regole ad hoc sono previste per i rifiuti organici differenziati e i metalli riciclati separati dopo l’incenerimento dei rifiuti urbani.

Ti potrebbero interessare
Nell'epoca della transizione energetica, nel 2022 abbiamo consumato una tonnellata di carbone pro capite

Nell'epoca della transizione energetica, nel 2022 abbiamo consumato una tonnellata di carbone pro capite

Leggi adesso arrow_right
Intermediario: non è tale il gestore

Intermediario: non è tale il gestore

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Rifiuti, preparazione per riutilizzo semplificata in dirittura d'arrivo

L'Italia ha notificato all'Ue la nuova versione dello schema di regolamento che semplifica l'esercizio delle operazioni di preparazione per il…

Leggi adesso arrow_right