News

Agg.Normativo n.2 Luglio 2019

di Redazione Rete Ambiente

Data 16/07/2019

Le regole stabilite dalla decisione della Commissione europea 2019/1004/Ue del 7 giugno 2019, in esecuzione dell’articolo 11-bis della direttiva 2008/98/Ce (introdotto dalla direttiva 2018/851/Ue), si applicano al calcolo degli obiettivi di preparazione per il riutilizzo e il riciclaggio dei rifiuti urbani fissati per il 2025 (almeno il 55% in peso), il 2030 (almeno il 60% in peso) e il 2035 (almeno il 65% in peso).

La disciplina in questione, che stabilisce i punti di calcolo e di misurazione, prevede, di norma, che vengano computati i rifiuti all’atto della immissione nell’operazione di riciclaggio. Gli Stati membri, tuttavia, possono decidere di misurare i rifiuti in uscita dopo qualsiasi operazione di cernita, a condizione che dal computo totale vengano comunque detratti gli scarti delle operazioni precedenti il riciclaggio e che i rifiuti in uscita dalla cernita vengano effettivamente riciclati.

Regole ad hoc sono previste per i rifiuti organici differenziati e i metalli riciclati separati dopo l’incenerimento dei rifiuti urbani.

Ti potrebbero interessare
mozziconi di sigaretta
Da mozziconi di sigaretta a occhiali e ombrelli: la storia di Re-cig.

Esistono aziende internazionali che attuano processi di riciclaggio, raccogliendo mozziconi di sigarette, riciclando l'acetato di cellulosa e ottenendo nuovi prodotti…

Leggi adesso arrow_right
Autospurgo 2: puntualizzazioni sul modello unico

A fronte dell’entrata in vigore del nuovo modello unico per gli spurghisti ex articolo 230, comma 5, Dlgs 152/2006 si…

Leggi adesso arrow_right
Lombardia, Regione finanzia Comuni su discariche abusive

La Regione Lombardia finanzierà i progetti dei Comuni intervenuti in via sostitutiva al posto del soggetto inadempiente condannato per il reato di discarica abusiva.

Leggi adesso arrow_right