News

Call for projects “Circular 4 recovery”

Data 16/02/2021
Tipo News

Il paradigma economico lineare «take-make-dispose» si basa sul presupposto infondato di una disponibilità pressoché illimitata di risorse. Le iniziative a sostegno dell’efficienza da sole possono ritardare la crisi di questo modello economico, ma non sono sufficienti a risolvere i problemi dati dalla natura finita degli stock e dagli impatti ambientali, economici e sociali di un uso incontrollato delle risorse.

La necessaria transizione verso un nuovo paradigma economico circolare, basato sulla chiusura dei cicli, l’eliminazione tendenziale dei rifiuti e l’utilizzo esclusivo di fonti energetiche rinnovabili e distribuite, materie prime rinnovabili e materie prime seconde, ci mette di fronte a sfide tecnologiche e sociali inedite, imponendo sensibili cambiamenti ai processi produttivi e il radicale ripensamento dei modelli di consumo e business.

L’Europa è in prima linea in questa transizione globale verso un’economia circolare e a basse emissioni di carbonio, considerata un elemento imprescindibile della nuova strategia industriale dell’UE, capace di rendere più sostenibile e competitivo il sistema produttivo europeo e di generare nuova occupazione. In questa direzione, l’11 marzo 2020 la Commissione europea ha adottato un nuovo Piano d’azione per l’Economia Circolare, uno dei blocchi principali dello European Green Deal, la nuova agenda per la crescita sostenibile che ridisegna l’impegno dell’UE su clima e ambiente per il prossimo trentennio.

Questa tendenza strategica di lungo periodo ha incrociato, dopo la pandemia di COVID-19, le misure straordinarie di stimolo alla ripresa adottate attraverso il bilancio a lungo termine dell’UE e l’iniziativa NextGenerationEU, che per l’Europa e l’Italia rappresentano un’occasione irripetibile per rilanciare gli investimenti e attuare importanti riforme, all’interno di un disegno di transizione verso un’economia più sostenibile dal punto di vista ambientale e sociale.

Call for projects “Circular 4 recovery”

Marzotto Venture Accelerator svolge attività di incubazione/accelerazione e di venture capital, finalizzate a sostenere iniziative imprenditoriali ad alto contenuto di innovazione tecnologica. Collabora con partner d’eccellenza, mettendo a disposizione delle imprese incubate e/o accelerate il proprio network industriale e commerciale e le potenziali sinergie con i business di una delle più grandi ed antiche famiglie di imprenditori italiani, impegnata da tempo sui temi della sostenibilità ambientale e sociale. Opera come agenzia di innovazione e trasferimento tecnologico, promuovendo un vasto ecosistema di innovazione aperta focalizzato sulle aree tematiche “Circular Economy”, “Smart Cities & Communities” e “Healthcare 4.0”.

La Call for Projects è un’iniziativa che si propone di selezionare, premiare e supportare progetti imprenditoriali orientati allo sviluppo di tecnologie, soluzioni e servizi innovativi e a basso impatto ambientale e sociale in 5 Key Focus Areas dell’Economia Circolare (Circular Bioeconomy; Circular Water Economy; Circular Energy Economy; New Circular Life Cycles; Circular City & Land). Per ciascuna Key Focus Area, la Call identifica una serie di Challenge generali, con riferimento alle quali sono proposte anche delle Challenge più circoscritte, individuate in relazione a specifici interessi e fabbisogni di innovazione delle Corporate Partner che supportano l’iniziativa. I Partecipanti possono proporre progetti coerenti con le Challenge generali ed, eventualmente, presentare iniziative più strettamente afferenti le tematiche evidenziate nelle Challenge specifiche, selezionando il relativo Codice in fase di compilazione del Registration Form.

Per proporre il tuo progetto clicca qui

Ti potrebbero interessare
i settori coinvolti per raggiungere net zero
Net Zero (2050): un'opportunità di investimento storica 

Net Zero indica l'impegno a ridurre le emissioni al limite del possibile, compensando quelle rimanenti attraverso l'assorbimento.

Leggi adesso arrow_right
green procurement catene di fornitura
Green Procurement: perché è [molto] importante avere filiere di fornitura sostenibili nel 2022?

Green procurement significa costruire catene di fornitura sostenibili. E' necessario coinvolgere i fornitori, richiedere trasparenza e stabilire indicatori.

Leggi adesso arrow_right
piatti e posate di bioplastica
Bioplastiche: che cosa sono, esempi e smaltimento

Le bioplastiche sono ottenute da materiali naturali. Per uno smaltimento corretto sono però necessari appositi impianti di compostaggio.

Leggi adesso arrow_right