News

Green Procurement: perché è [molto] importante avere filiere di fornitura sostenibili nel 2022?

di Circularity

Data 10/06/2022
Tipo News
green procurement catene di fornitura

Secondo uno studio del World Economic Forum del 2015, le organizzazioni possono migliorare i ricavi fino al 20% e aumentare il valore del marchio del 30% investendo in catene di approvvigionamento sostenibili, una strategia anche conosciuta come Green Procurement.  

La sostenibilità sta diventando uno dei temi centrali nel funzionamento delle aziende e delle catene di fornitura globali, e la sua adozione non è un compito facile che può essere raggiunto da un singolo individuo o da una sola area operativa. Il consumatore odierno non si limita a chiedersi se i ritorni finanziari di un’azienda siano adeguati, ma è anche interessato all’origine dei materiali utilizzati, ai metodi di produzione e alle condizioni di lavoro degli operai che li hanno prodotti.  

Questa nuova visione espone l’organizzazione a una miriade di rischi sociali, ambientali ed economici. I partner della supply chain di un’azienda possono esporla a rischi in grado di distruggere in breve tempo l’intera reputazione costruita nel corso della sua storia. 

Bisogna capire che la catena di fornitura interagisce con l’intero ambiente di un’organizzazione: clienti, fornitori, lavoratori, azionisti, autorità di regolamentazione e organizzazioni finanziarie. Gestendo il flusso di materiali, informazioni e denaro, la supply chain si connette anche con quasi tutte le aree dell’organizzazione, diventando un integratore e un motore delle strategie aziendali. 

Green procurement: progettare e gestire catene sostenibili 

Progettare e gestire catene di fornitura sostenibili richiede un cambiamento di paradigma in ciò che si intende per azienda di successo. Se le aziende sono allineate all’idea che la cosa più importante sia solo il guadagno finanziario a breve termine, senza valutare i vantaggi che si ottengono lavorando in modo collaborativo con l’intero ecosistema di una catena, non sarà possibile apportare cambiamenti. 

Una filiera sostenibile è quella che opera entro i limiti imposti dalla natura e dalla società in cui vive, ma tiene anche conto degli obiettivi fissati dai proprietari/azionisti. 

La catena sostenibile si adatta all’economia circolare, una strategia aziendale che separa la produzione dall’uso delle risorse primarie, perché si basa su materiali rinnovabili, riciclabili, ricostruibili o biodegradabili per il suo funzionamento. 

La costruzione di una catena sostenibile deve essere il prodotto di una strategia e di un piano d’azione ben strutturati che comprendono due fasi principali: interna ed esterna. 

Nella fase interna sono necessarie le seguenti azioni: 

  • Dichiarare la sostenibilità come uno dei valori fondamentali dell’azienda, con lo stesso livello di importanza del servizio clienti e delle prestazioni finanziarie. 
  • Allineare le politiche e i processi dell’organizzazione in base agli impegni di sostenibilità, alle richieste del mercato e alle normative applicabili. 
  • Operare con la massima trasparenza
  • Stabilire chiari indicatori di performance accompagnati da azioni per rafforzare i comportamenti corretti. 
  • Creare una posizione organizzativa responsabile della promozione, misurazione e monitoraggio di questi obiettivi, ad esempio il CSO (Chief Sustainability Officer)

Una volta che l’azienda accetta e si organizza per affrontare la nuova sfida, è necessario estenderla lungo l’intera catena. Come nella progettazione delle strategie della catena di fornitura, l’azienda principale deve assumersi la responsabilità di guidare gli sforzi di sostenibilità. 

condizioni lavorative eque

In altre parole, l’azienda che ha maggiore influenza sul resto delle organizzazioni deve stabilire le priorità che tutte devono perseguire insieme, sia per quanto riguarda le questioni lavorative, come la qualità della vita o i salari, sia per quanto riguarda le questioni ambientali, ad esempio il consumo di acqua o le emissioni di gas serra. 

L’azienda principale deve impegnarsi costantemente per garantire che i suoi partner di catena rimangano entro i limiti stabiliti e che adottino azioni appropriate su base continuativa e non solo con sforzi temporanei. 

Le tre azioni più rilevanti della fase esterna per guidare una strategia di Green procurement sono:

1) collaborare con clienti e fornitori impegnati nella sostenibilità e definire azioni e indicatori comuni;

2) intraprendere azioni che supportino la tracciabilità per garantire la trasparenza;

3) costruire insieme a loro un’economia circolare. 

Come essere sostenibili in base alle possibilità dell’azienda? 

Non esiste un modello ideale di sostenibilità; ogni organizzazione e ogni filiera deve trovarlo in base alla disponibilità di risorse e alle caratteristiche dei propri processi e materiali. 

Per dichiarare la sostenibilità come un valore, più di 10.000 aziende in tutto il mondo hanno sottoscritto il Global Compact delle Nazioni Unite, riconoscendo pubblicamente il loro impegno nei confronti della società in materia di diritti umani, diritti del lavoro, ambiente e lotta alla corruzione. 

I valori devono essere vissuti e incarnati nelle azioni quotidiane. Le azioni e le decisioni dei vertici aziendali devono essere coerenti, facilitando le operazioni all’interno e all’esterno dell’organizzazione e consentendo ai consumatori finali di valutare e giudicare la qualità tecnica e morale dell’organizzazione. L’impegno alla trasparenza nei confronti di clienti e consumatori deve far parte della condotta etica quotidiana dell’organizzazione e deve quindi essere definito all’interno delle politiche e degli standard che guidano la condotta dell’organizzazione. 

Gli indicatori che l’azienda definisce possono essere tratti da standard come quelli proposti dalla Global Reporting Initiative (GRI) o da alcuni comuni come quelli elencati di seguito: 

a) In relazione ai processi

  • Certificazione ISO 14001. 
  • Conformità alle leggi, ai permessi e ai regolamenti ambientali. 
  • Ricezione e gestione di sanzioni, multe, avvertimenti o violazioni delle norme ambientali. 

b) In relazione ai materiali e ai fattori di produzione: 

  • Gestione dell’acqua. 
  • Riduzione, sostituzione o eliminazione dei materiali pericolosi. 
  • Gestione e generazione di energia. 

Fornitori e sostenibilità 

Sul fronte esterno, l’azienda deve assumersi la responsabilità di gestire le prestazioni dei fornitori quando il loro fallimento rischia di danneggiare o distruggere l’immagine dell’azienda. Tra le azioni più importanti da intraprendere con i fornitori vi sono: 

i.    Includere nel processo di selezione nuovi criteri associati alla sostenibilità e alla gestione delle crisi

ii.   Stabilire sistemi di monitoraggio della reputazione e dell’immagine dei fornitori critici. 

iii.   Condurre audit per garantire la conformità a tutti i termini contrattuali. 

iv.   Definire canali di comunicazione chiari in modo che qualsiasi rischio di danno all’immagine sia noto il prima possibile. 

v.    Progettare strategie per mitigare tali rischi e disporre di meccanismi formali per rispondere agli eventi. 

vi.   Collaborare direttamente con i fornitori per eliminare le fonti di spreco e contaminazione. 

L’impatto della sostenibilità sulle decisioni di acquisto dei clienti deve essere compreso e valutato in relazione ai ricavi e ai profitti dell’azienda. 

L’impegno per la sostenibilità è un elemento critico per la salute dell’organizzazione, per evitare problemi legali o di immagine nella comunità, ma anche per il benessere della nostra società. Lo sviluppo di una strategia di Green procurement, il rispetto dei diritti umani, il comportamento etico e il lavoro secondo modelli di commercio equo e solidale sono principi fondamentali per un corretto processo decisionale con una visione a lungo termine. 

Le catene vengono costruite giorno per giorno, ma se non si basano sui valori della sostenibilità, la loro vita sarà molto breve e i loro buoni risultati solo un miraggio. 

Ti potrebbero interessare
crisi energetica
I [pesanti] effetti della crisi energetica sul settore del riciclo: il caso di vetro e plastica

Con l'aggravarsi della crisi energetica nel continente europeo, l'impatto sui prezzi dell'elettricità si ripercuote sulle attività degli impianti di riciclo

Leggi adesso arrow_right
blue economy
Che cos'è la blue economy e perché potrebbe rivoluzionare il nostro futuro?

La blue economy promuove la crescita economica basandosi sulla conservazione degli ecosistemi marini e sulla sostenibilità ambientale.

Leggi adesso arrow_right
camilla colucci per imprese vincenti
Imprese Vincenti: il tour nazionale 2022 del programma di Intesa Sanpaolo

Ritorna Imprese Vincenti, il programma di Intesa Sanpaolo diretto alle piccole e medie imprese che rappresentano un esempio di eccellenza imprenditoriale.

Leggi adesso arrow_right