News

Quesito del mese: la rimozione di amianto abbandonato a terra. Sul formulario chi verrà riportato come produttore?

di Paola Ficco, “Avvocato - Giurista ambientale e Direttore della Rivista RIFIUTI

Data 10/12/2021
Tipo Quesito del mese

DOMANDA

Una società che gestisce l’autostrada, ha commissionato la rimozione di amianto abbandonato a terra. Sul formulario chi verrà riportato come produttore?
Il bonificatore categoria 10 Albo gestori o la società proprietaria del terreno?

RISPOSTA

L’articolo 183, comma 1, Dlgs 152/2006 lettera f), restituisce la vigente nozione di “produttore iniziale” dei rifiuti nei seguenti termini “il soggetto la cui attività produce rifiuti e il soggetto al quale sia giuridicamente riferibile detta produzione”. La successiva lettera h), definisce il detentore come “il produttore dei rifiuti o la persona fisica o giuridica che ne è in possesso”. Tuttavia, la questione relativa al riparto di responsabilità tra committente ed esecutore intesi, rispettivamente, produttore in senso giuridico e materiale dei rifiuti, con particolare riferimento all’esecuzione dei contratti di appalto, non attiene al caso di specie. Infatti, per quanto riguarda i rifiuti abbandonati, questi sono prodotti inequivocabilmente da chi li ha abbandonati (il soggetto la cui attività produce rifiuti). Il produttore si è disfatto del materiale (abbandonandolo), si è disfatto anche della qualifica di detentore, mantenendo solo quella di (non più rintracciabile) produttore (iniziale). Il Lettore, invece, avendo il possesso pieno (poiché la cosa è nella propria sfera di controllo) e l’animus detinendi è detentore del rifiuto prodotto da (irreperibili) terzi. In questa prospettiva, Cass. Pen. Sez. III, 14 febbraio 2020, n. 5912 ha affermato che il “detentore” dei rifiuti è “un soggetto che opera in una delle fasi della gestione” e che si tratta di un “soggetto che riceve i rifiuti da avviare ad attività di recupero debitamente autorizzata”. Il Lettore dunque porrà sé stesso come detentore nel formulario e potrà inserire nelle relative annotazioni che il rifiuto è stato oggetto di abbandono da parte di ignoti.

DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO
© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di ReteAmbiente Srl, Milano e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo.

Ti potrebbero interessare
rivista rifiuti
Vi.Vi.Fir: non è obbligatorio

E' lecito che un impianto di smaltimento/recupero si rifiuti di accettare formulari vidimati elettronicamente o è invece obbligato ad accettarli?

Leggi adesso arrow_right
rivista rifiuti
Autospurgo: quando i rifiuti (ri)partono dal deposito temporaneo viaggiano con il formulario e non con il modello unico

Come deve essere correttamente compilato il nuovo documento unico di trasporto rifiuti per i Codici Eer 20.03.04 e 20.03.06?

Leggi adesso arrow_right
rivista rifiuti
Autospurgo 2: puntualizzazioni sul modello unico

A fronte dell’entrata in vigore del nuovo modello unico per gli spurghisti ex articolo 230, comma 5, Dlgs 152/2006 si…

Leggi adesso arrow_right