News

Raee, aggiornati raggruppamenti in centri di raccolta

di Francesco Petrucci

Data 02/05/2023
Tipo Aggiornamento normativo
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente

Sono in vigore dal 5 maggio 2023 le disposizioni del Dm Ambiente 20 febbraio 2023, n. 40 che aggiorna i raggruppamenti di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) effettuati dai Centri di raccolta. In particolare il regolamento 40/2023 sostituisce l’allegato 1 al Dm 185/2007 e adegua gli “aggregati” dei Raee che devono essere realizzati nei Centri di raccolta comunali alla definizione delle “categorie” dei Raee stabilita dal Dlgs 49/2014.

Il nuovo allegato 1 al Dm 185/2007 nell’indicare come i Centri di raccolta devono raggruppare i rifiuti derivanti da apparecchiature elettriche ed elettroniche precisa che indipendentemente dalle condizioni fisiche nelle quali i predetti rifiuti sono conferiti, agli stessi sono attribuiti i codici Eer dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche.

La necessità di adeguamento risaliva al 15 agosto 2018 data a decorrere dalla quale, ai sensi dell’articolo 2, Dlgs 49/2014 il campo di applicazione della disciplina Raee del decreto legislativo era stato esteso a tutte le apparecchiature elettriche ed elettroniche classificate nelle categorie dell’allegato III ed elencate a titolo esemplificativo nell’allegato IV al Dlgs 49/2014 (cd. fase “open scope“).

Ti potrebbero interessare
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Acque reflue urbane, intesa Ue su revisone disciplina

Il Parlamento europeo e il Consiglio Ue hanno raggiunto un accordo politico provvisorio sulla proposta di direttiva che estende gli…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Carbonio alle frontiere, slitta termine dichiarazione

Ci sono 30 giorni in più per presentare la dichiarazione delle merci importate soggette al meccanismo di adeguamento del carbonio…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Riparazione prodotti e riduzione rifiuti: c'è l'accordo Ue

Parlamento europeo e Consiglio Ue hanno raggiunto, in base a quanto comunicano le istituzioni il 2 febbraio 2024, un accordo…

Leggi adesso arrow_right