News

I nuovi standard ISO sull’economia circolare

di Circularity

Data 04/06/2024
Tipo News
economia circolare

Ora l’economia circolare ha finalmente un vocabolario comune con cui definire, misurare ed esplorare la transizione circolare. Dopo 5 anni di intenso lavoro, l‘organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO), responsabile a livello mondiale per la definizione di norme tecniche, ha pubblicato i nuovi standard internazionali volti a garantire una comprensione comune dell’economia circolare a qualsiasi tipo di azienda o attività, siano enti privati, pubblici e organizzazioni non-profit.

I nuovi ISO sono tre: comprendere i principi dell’economia circolare (ISO 59004), esplorare i vantaggi dei modelli di business circolari (ISO 59010) e misurare le prestazioni della circolarità (ISO 59020). Offrono un kit completo di strumenti per la realizzazione dell’economia circolare, che spazia dai principi alla misurazione, e mettono d’accordo a livello globale i diversi Paesi su una comune definizione di economia circolare e sui suoi principi. Per la prima volta gli standard ISO forniscono una comprensione comune del linguaggio, dell’implementazione, dei modelli di business, delle reti di valore, della misurazione e della valutazione dell’intero settore.

Il primo standard ISO 59004: definire l’economia circolare 

Oltre a fornire una definizione internazionale di economia circolare, l’ISO 59004 individua sei principi complementari e interconnessi: il pensiero sistemico, la creazione di valore, la condivisione di valore, la gestione delle risorse, la tracciabilità delle risorse e la resilienza degli ecosistemi. All’interno di questo primo standard sono stabilite le priorità delle azioni per raggiungere una migliore performance di circolarità: rifiutare, ripensare, procurarsi, ridurre, riparare, riutilizzare, rimettere a nuovo, rifabbricare, riutilizzare, riciclare, recuperare energia, ri-estrarre.

Oltre a stabilire una definizione e i principi dell’economia circolare, questo standard fornisce indicazioni per la sua attuazione. Implementando l’ISO 59004 aziende pubbliche e private possono sviluppare ambiziose soluzioni circolari,  migliorando le relazioni con gli stakeholder e rispettando le normative ambientali. Con l’ISO 59004 l’Organizzazione internazionale per la standardizzazione ha posto le basi per contribuire alla mitigazione e all’adattamento ai cambiamenti climatici e per sostenere una gestione sostenibile delle risorse.

Il secondo standard ISO 59010: il manuale della circolarità

Il secondo standard l’ISO 59010 punta ad aiutare le organizzazioni a definire gli obiettivi, determinare una strategia di economia circolare, trasformare il modello di business e la rete di valori verso la circolarità e, infine, a farsi carico di revisione e monitoraggio delle pratiche in atto. Se l’obiettivo di un’azienda è sostituire il tradizionale modello di business lineare con uno circolare, il secondo standard è un vero e proprio manuale, che consente di efficientare i processi, ridurre gli sprechi, a rendere più resiliente la supply chain e a migliorare la propria adattabilità ai cambiamenti normativi e di mercato. 

Il terzo standard per la circolarità: ISO 59020

L’ultimo standard presentato, l’ISO 59020, è pensato per monitorare gli obiettivi e le azioni (di riduzione, riparazione, riuso, riciclo), misurare i flussi di risorse (quali afflussi, deflussi, perdite) valutare gli impatti della sostenibilità (sociale, ambientale ed economica) sempre tenendo presenti indicatori fondamentali di circolarità, come l’utilizzo di risorse quali energia e acqua.

Misurare e valutare le prestazioni della circolarità utilizzando il quadro di riferimento specificato nella norma ISO 59020 vuole aiutare le organizzazioni a ridurre al minimo l’uso delle risorse, a migliorare la propria trasparenza e responsabilità nel reporting ambientale e nel supportare il processo decisionale strategico per la gestione sostenibile delle risorse.

A questi nuovi standard si affiancano infine altri due ISO, il 59040 Product Circularity Data Sheet e il 59014 Sustainability and Traceability of Secondary Materials Recovery, utili anch’essi nella transizione verso un modello circolare ma attualmente in fase di sviluppo e allo stadio di bozza. È da tenere presente che la creazione degli ISO per l’economia circolare è collegata ad altri standard intrinsecamente connessi, come quelli per l’approvvigionamento sostenibile e la qualità e la gestione ambientale.

Ti potrebbero interessare
economia circolare
I nuovi standard ISO sull'economia circolare

L'organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO), responsabile a livello mondiale per la definizione di norme tecniche, ha pubblicato i nuovi…

Leggi adesso arrow_right
L'osservatorio del riutilizzo

Negli ultimi anni, in Italia come in altri Paese europei, è cresciuto parecchio l’interesse per l’acquisto di beni di seconda…

Leggi adesso arrow_right
Come sta l'economia circolare in Italia

L’economia circolare italiana primeggia in Europa, ma non sta tenendo il passo con il crescente consumo di materia

Leggi adesso arrow_right