News

L’UE progetta un “passaporto digitale dei prodotti” per promuovere l’economia circolare 

Data 01/09/2022
Tipo News
passaporto digitale dei prodotti

La Commissione europea prevede di introdurre un “passaporto digitale dei prodotti” che conterrà informazioni sulla composizione dei prodotti presenti sul mercato europeo per contribuire ad aumentare le possibilità di riutilizzo e riciclaggio. L’idea è quella di identificare le informazioni più importanti sulla composizione di ogni prodotto, in modo che gli utenti della catena di fornitura possano riutilizzarlo o trattarlo correttamente nelle strutture di gestione dei rifiuti. 
Entro la metà del secolo, l’Europa intende raggiungere l’obiettivo di zero emissioni nette e zero inquinamento, ma deve affrontare il problema del consumo eccessivo e degli sprechi per raggiungere questi obiettivi. 
Attualmente, metà delle emissioni totali di gas serra e oltre il 90% della perdita di biodiversità e dello stress idrico derivano dall’estrazione e dalla lavorazione delle risorse. Si prevede che il consumo globale di materiali come biomassa, combustibili fossili, metalli e minerali raddoppierà nei prossimi quarant’anni e si prevede che la produzione annuale di rifiuti aumenterà del 70% entro il 2050. 

Il passaporto digitale dei prodotti e l’iniziativa sui prodotti sostenibili

Per contrastare questo fenomeno, l’Europa deve passare a prodotti sostenibili e durevoli e rallentare l’uso delle risorse nel loro flusso economico. L’iniziativa sui prodotti sostenibili dell’UE è una grande spinta in questa direzione. 
“Dobbiamo davvero assicurarci che i prodotti immessi sul mercato nei nostri mercati siano progettati per essere durevoli, riparabili e così via. Questo è ciò che stiamo cercando di fare con l’iniziativa sui prodotti sostenibili”, ha dichiarato William Neale, consulente per l’economia circolare presso il Dipartimento Ambiente della Commissione Europea. 
Il passaporto digitale dei prodotti farà parte di questa iniziativa. Attualmente, mentre i beni vengono prodotti, acquistati e venduti, si perdono le informazioni sui loro componenti e sulla loro riciclabilità. 
Il passaporto affronterà questo problema “sfruttando i dati per il bene pubblico”, ha detto Neale. 
“Un materiale può rendere impraticabile il riciclo e inquinare molto. Dobbiamo saperlo”, ha dichiarato a un EVENTO sull’economia circolare organizzato da EURACTIV. 
“Possiamo mettere a punto un processo in cui identificare quelle informazioni che sono davvero cruciali in termini di perdita di valore se non sono disponibili“, ha aggiunto Neale, citando l’esempio del settore tessile, dove la stampa del PVC sugli indumenti può impedire la riciclabilità. 

AFFRONTARE IL GREENWASHING

Affinché l’Europa possa raggiungere i suoi obiettivi climatici, è fondamentale che i consumatori e le imprese mantengano i prodotti in circolazione il più a lungo possibile, ha dichiarato David Cormand, eurodeputato francese dei Verdi.

Stiamo progettando e commercializzando oggetti che non sono costruiti per durare. Il più delle volte, appena prodotti, diventano rifiuti, di cui solo una piccola parte è progettata per essere riutilizzata, riparata o riciclata”, ha affermato.

Per affrontare questo problema, Cormand ha chiesto uno standard europeo obbligatorio per la durata e la riparabilità che renda i prodotti ecologici la norma sul mercato. Le informazioni dovrebbero essere utilizzate anche per combattere il greenwashing e sanzionare le aziende che non lavorano in modo sostenibile, ha detto Cormand.
“La maggior parte di noi ha le case piene di sostanze chimiche tossiche, presenti nei mobili, nei pavimenti, nel cemento”, ha dichiarato Joan Marc Simon, direttore esecutivo dell’ONG Zero Waste Europe.
È impossibile sapere se il prodotto è sicuro, riparabile, riciclabile, quindi da questo punto di vista credo che un passaporto digitale dei prodotti sia importante per i consumatori”, ha aggiunto.
Ma la spinta a creare prodotti sostenibili e durevoli deve andare oltre il passaporto. È inoltre necessario che vi siano processi che consentano ai consumatori di restituire i prodotti per la riparazione.

Il passaporto dei prodotti in pratica

Individuare le informazioni di cui gli utenti hanno bisogno lungo la catena di fornitura è un lavoro enorme. Per questo motivo, la Commissione europea affronterà la questione “prodotto per prodotto” negli atti delegati, ha dichiarato Neale.
La creazione del passaporto richiede che l’intera catena di approvvigionamento si sieda e discuta le informazioni cruciali che potrebbero evitare che un prodotto vada sprecato. Queste discussioni potrebbero anche contribuire ad attenuare i timori che il passaporto contenga informazioni che violano i diritti di proprietà intellettuale, ha spiegato.
“Quando si tratta di proprietà intellettuale, privacy e così via, dobbiamo assicurarci che vengano gestiti attraverso la crittografia o rendendo i dati disponibili in un secondo momento. In ogni caso, ciò avverrà prodotto per prodotto e in piena consultazione”, ha dichiarato Neale.
“Stiamo parlando soprattutto di dati esistenti. Stiamo parlando di un approccio decentralizzato o distribuito ai dati. Non deve spostarsi da dove è stato creato”, ha aggiunto.

Una taglia non va bene per tutti

Tuttavia, nel redigere la legislazione, la Commissione europea deve anche tenere conto delle differenze tra i beni di consumo, che sono prodotti in serie e hanno una durata di vita relativamente breve, e i prodotti di lunga durata.
Se si considerano i prodotti tessili, si tratta di prodotti relativamente semplici che consistono in una quantità limitata di materiali ed è relativamente facile raccogliere i rispettivi dati su tali prodotti. Se si passa a un telefono cellulare o a un asciugacapelli, i prodotti sono già più complessi.

I consumatori di oggi hanno bisogno di informazioni chiare, affidabili e accessibili sui prodotti che consumano, sulla loro riparabilità e sul modo migliore per riciclarli. Tuttavia, sarà molto difficile per i produttori di prodotti e per tutti i professionisti coinvolti creare, condividere e distribuire i dati necessari in modo semplice ed economico. Il passaporto digitale dei prodotti è coerente e risponde a criteri di sostenibilità e trasformazione digitale, ma sarà una vera sfida per le imprese.

In breve, il nuovo quadro normativo avrà effetti positivi in termini di riutilizzo dei prodotti e prevenzione dei rifiuti, favorirà l’implementazione dell’economia circolare e, quindi, la sostenibilità ambientale dell’economia. Tuttavia, questa nuova sfida richiederà in ultima analisi la partecipazione di tutti gli agenti coinvolti nella catena del valore del prodotto, pena l’impossibilitò di ottenere tutte le informazioni necessarie ed essenziali per strutturare il nuovo passaporto digitale.

Ti potrebbero interessare
crisi energetica
I [pesanti] effetti della crisi energetica sul settore del riciclo: il caso di vetro e plastica

Con l'aggravarsi della crisi energetica nel continente europeo, l'impatto sui prezzi dell'elettricità si ripercuote sulle attività degli impianti di riciclo

Leggi adesso arrow_right
blue economy
Che cos'è la blue economy e perché potrebbe rivoluzionare il nostro futuro?

La blue economy promuove la crescita economica basandosi sulla conservazione degli ecosistemi marini e sulla sostenibilità ambientale.

Leggi adesso arrow_right
camilla colucci per imprese vincenti
Imprese Vincenti: il tour nazionale 2022 del programma di Intesa Sanpaolo

Ritorna Imprese Vincenti, il programma di Intesa Sanpaolo diretto alle piccole e medie imprese che rappresentano un esempio di eccellenza imprenditoriale.

Leggi adesso arrow_right