News

I [pesanti] effetti della crisi energetica sul settore del riciclo: il caso di vetro e plastica

di Circularity

Data 01/11/2022
Tipo News
crisi energetica


Con l’aggravarsi della crisi energetica nel continente europeo, l’impatto sui prezzi dell’energia si ripercuote sulle attività degli impianti di riciclo delle materie plastiche, mettendo a rischio la transizione verso la circolarità, denuncia in un comunicato Plastics Recyclers Europe (PRE).

I costi del riciclo della plastica

Gli impianti di riciclaggio della plastica operano 24 ore su 24, 7 giorni su 7, il che significa che i servizi energetici sono tra i primi tre fattori di costo dopo la manodopera e la manutenzione, e rappresentano circa il 15-20% dei costi operativi totali.

Tuttavia, dato l’aumento del 400% dei loro prezzi, i costi energetici sono diventati la spesa principale, rappresentando fino al 70% dei costi operativi, secondo un’indagine di PRE sulle aziende associate. Questo rende quasi impossibile per le aziende di riciclaggio andare in pareggio e significa che, senza l’intervento della Commissione europea e degli Stati membri, molte aziende chiuderanno.

Il percorso verso un’economia europea a basse emissioni di carbonio entro il 2050 può avvenire solo con il contributo dell’industria del riciclo, in quanto il riciclo della plastica ha l’impronta di carbonio più bassa rispetto ad altre opzioni di gestione dei rifiuti come l’incenerimento o la discarica.

Le recenti politiche dell’UE e gli sviluppi globali hanno spinto a investire massicciamente nelle capacità di riciclaggio della plastica nel continente, mentre la fluttuazione dei prezzi dell’energia potrebbe porre fine a questi sforzi. Di conseguenza, secondo PRE, ciò “avrà implicazioni disastrose per l’industria europea del riciclaggio”.

“La cessazione delle attività di riciclaggio avrà un impatto immediato e negativo sulla gestione dei rifiuti plastici in Europa”, ha dichiarato Ton Emans, presidente di Plastics Recyclers Europe. “Se vogliamo dare impulso a un’economia circolare in Europa, il riciclo delle materie plastiche deve essere considerato un settore industriale chiave in cui gli sforzi degli Stati membri per proteggersi dall’impatto degli alti prezzi dell’elettricità devono essere mirati.”

Prepararsi alla carenza di vetro: effetti inaspettati della crisi energetica

Oltre agli effetti sopracitati, la crisi energetica potrebbe rendere oggetti come bottiglie di champagne e barattoli di marmellata in vetro non disponibili come prima, oltre a creare lunghe liste d’attesa per articoli di lusso in vetro parte della vita quotidiana.

I produttori di vetro sono grandi consumatori di energia. Sia produrlo da zero che riciclarlo ne consuma infatti grandi quantità. L’impennata dei costi del petrolio e del gas li ha quindi colpiti duramente. Ad oggi, hanno dovuto aumentare i prezzi dei loro prodotti di circa il 35%, anche se è possibile che l’aumento debba essere maggiore. Si teme che, con il trasferimento di questi costi al consumatore, i prezzi debbano aumentare e che gli imballaggi in vetro, soprattutto per alimenti e bevande, diventino così costosi da indurre i consumatori a richiedere imballaggi alternativi più economici.

Date le sfide, stiamo assistendo ad alcuni effetti sorprendenti della crisi energetica, in quanto le aziende si sforzano di sviluppare soluzioni innovative e migliori opportunità.

Uno dei principali produttori di imballaggi in vetro dell’Europa occidentale è Vidrala, che opera in Spagna, Portogallo, Italia, Regno Unito e Irlanda. L’azienda produce una gamma completa di contenitori in vetro – il 35% dei suoi prodotti è destinato al vino, il 26% alla birra e il resto è suddiviso tra alimenti, alcolici e bevande analcoliche – e vende più di 8 miliardi di contenitori in vetro all’anno.

Per adattarsi alle sfide e adottare i principi di economia circolare, le misure che Vidrala sta adottando comprendono una maggiore attenzione al riciclaggio – nel 2021 il 48% del vetro prodotto è stato riciclato – e l’aumento del tasso di raccolta del vetro usato per migliorare sia l’efficienza produttiva che i ricavi. Attualmente l’azienda collabora con un’organizzazione non governativa che incoraggia i cittadini a riciclare, raccoglie il vetro e lo consegna a Vidrala per la fusione e il riciclaggio.

Forni ibridi a idrogeno

Nel caso specifico del vetro, in una prospettiva a lungo termine, aziende operanti nell’industria del vetro come Vidrala stanno collaborando tra loro per studiare forni ibridi a idrogeno che potrebbero essere adatti al funzionamento dell’industria in futuro.

Altre innovazioni che i produttori di vetro stanno esplorando sono la riduzione della temperatura di fusione del vetro mediante l’aggiunta di cenere, con il risultato di un vetro dall’aspetto più “imperfetto”, con meno chiarezza e più bolle, e l’aumento dell’uso di energia eolica e solare nelle fabbriche.

Il mercato del vetro di lusso si sta già preparando all’aumento dei costi energetici e alla possibilità di una chiusura totale se il gas dovesse essere razionato solo per usi essenziali. Molti laboratori di vetro veneziani sull’isola italiana di Murano hanno già chiuso i battenti perché il costo dell’energia ha reso troppo costosi i loro oggetti decorativi. I vasi veneziani e i calici di cristallo pregiato potrebbero diventare articoli con una lunghissima lista d’attesa quest’inverno.

Vino in bottiglie riutilizzabili?

Il vetro è un materiale di imballaggio stabile e inerte, riciclabile all’infinito. Ma è anche pesante da trasportare e ad alta intensità energetica da produrre. Senza dubbio la crisi energetica porterà con sé ogni sorta di soluzione innovativa: potremmo vedere consegne di vino in stile “lattaio” in bottiglie riutilizzabili? O più cibo e bevande in lattine di alluminio? Verranno utilizzati molti più alimenti in imballaggi di plastica o carta riciclabili?

L’azienda olandese Corbion è all’avanguardia nelle soluzioni di imballaggio innovative. Producono PLA, un imballaggio in plastica biobased e biodegradabile ricavato da risorse rinnovabili, abbastanza resistente da sostituire le plastiche convenzionali e che può essere compostato, decomponendosi in CO2, acqua e biomassa.

Per affrontare le numerose sfide che ci attendono, è necessario un pensiero innovativo accanto a un modo di fare più sostenibile e anche più tradizionale, laddove possibile. Ispirato all’umile saponetta, esistono ad esempio shampoo disponibili in barre solide, senza confezione. Il futuro potrebbe vederci portare i nostri flaconi nei negozi e nei supermercati locali per ricaricare vino e olio, come avviene in molte parti dell’Europa meridionale?

Molte delle aziende che affrontano le sfide della crisi energetica sono società a piccola capitalizzazione, ma questo permette loro di essere più agili. Possono trovarsi in una posizione privilegiata sia per adattarsi rapidamente che per creare soluzioni. I tempi difficili possono creare opportunità per le aziende innovative e ben gestite. Sappiamo che la nostra dipendenza dai combustibili fossili deve essere ridotta, e l’attuale scarsità potrebbe essere la pressione necessaria per apportare cambiamenti drastici.

Ti potrebbero interessare
Cop27 di Sharm el-Sheikh (Egitto)
COP27: consenso sul fondo Loss&damage, male sugli impegni di decarbonizzazione

Un momento storico per la giustizia climatica e un’occasione persa per ridurre le emissioni e implementare piani di adattamento. Si…

Leggi adesso arrow_right
Emissioni di anidride carbonica
Clima: secondo la scienza non siamo sulla strada giusta per la mitigazione

Secondo l'UNEP non è in atto nessun percorso credibile per fermare l’aumento di temperatura del pianeta a +1,5 °C .

Leggi adesso arrow_right
Serbatoi di ammoniaca
Ammoniaca verde: combustibile e accumulatore di energia del futuro

L’ammoniaca è un composto chimico usato per la sintesi dei fertilizzanti moderni. Oltre a esser determinante per lo stoccaggio e…

Leggi adesso arrow_right