News

Rifiuti pericolosi: classificazione, esempi e gestione

di Circularity

Data 05/10/2022
Tipo News
rifiuti pericolosi in laboratorio

Uno dei tipi di rifiuti più importanti da gestire correttamente è quello dei rifiuti pericolosi, i quali possono riciclabili o meno. Tuttavia, ciò che caratterizza questo tipo di rifiuti è che presentano un rischio molto elevato sia per l’ambiente che per la salute di persone e animali. Per questo motivo, si tratta di rifiuti che devono essere gestiti in modo particolare.

Ogni tipo di rifiuto pericoloso ha infatti un protocollo di gestione associato, in modo da garantirne la corretta gestione, scongiurando che diventi un pericolo per la salute o l’ambiente. Se vuoi saperne di più sui rifiuti pericolosi, sulla loro classificazione, su alcuni esempi e sulla loro gestione, continua a leggere questo articolo.

La classificazione dei rifiuti pericolosi non è uniforme. Pertanto, a seconda della normativa, si può trovare un tipo di classificazione o un altro. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, queste classificazioni sono equivalenti tra loro, in quanto i rifiuti rimangono gli stessi indipendentemente dal luogo in cui si trovano. La seguente classificazione può dunque essere considerata come una classificazione generale dei rifiuti pericolosi più comuni:

  • Rifiuti pericolosi corrosivi: si tratta di rifiuti pericolosi che presentano il rischio di corrodere qualsiasi superficie con cui vengono a contatto. In genere, questi rifiuti sono composti principalmente da acidi.
  • Rifiuti pericolosi per reattività chimica: sono rifiuti pericolosi perché possono corrodere la superficie con cui vengono a contatto o addirittura diventare esplosivi. Tuttavia, si tratta di rifiuti che non sono estremamente pericolosi di per sé, ma che potrebbero diventarlo se reagissero con altre sostanze, ad esempio l’ossigeno.
  • Rifiuti pericolosi esplosivi: si tratta di rifiuti che, come suggerisce il nome, possono esplodere se non vengono gestiti correttamente.
  • Rifiuti pericolosi infiammabili: si tratta di rifiuti particolarmente sensibili al calore e che possono facilmente prendere fuoco.
  • Rifiuti tossici pericolosi: sono rifiuti la cui pericolosità deriva dalla loro tossicità per la salute e possono essere organici o inorganici.
  • Rifiuti pericolosi radioattivi: sono rifiuti pericolosi perché emettono radiazioni.
rifiuti pericolosi nucleari
Le scorie delle centrali nucleari sono considerate rifiuti pericolosi

ESEMPI DI RIFIUTI PERICOLOSI

Ora che abbiamo visto le principali classificazioni di questa particolare tipologia di rifiuti, citeremo alcuni esempi in ciascuna delle categorie corrispondenti:

  • Rifiuti pericolosi corrosivi: questi rifiuti sono caratterizzati dal fatto di essere corrosivi quando entrano in contatto con una superficie. Se ne possono citare molti esempi, soprattutto per quanto riguarda gli acidi, come l’acido solforico;
  • Rifiuti pericolosi per reattività chimica: questi rifiuti sono pericolosi quando entrano in contatto con altre sostanze che li fanno reagire chimicamente. Tra queste vi sono le sostanze utilizzate nei laboratori e molti metalli pesanti come il mercurio, il cadmio e il piombo;
  • Rifiuti esplosivi pericolosi: sono rifiuti che possono esplodere a contatto con fonti di calore. Il caso più noto è quello della dinamite o della polvere da sparo;
  • Rifiuti pericolosi infiammabili: si tratta di sostanze che possono bruciare facilmente, fino a diventare esplosive in alcune situazioni specifiche. Si tratta di sostanze come i prodotti petroliferi o il gas naturale;
  • Rifiuti tossici pericolosi: si tratta di rifiuti pericolosi per la salute. Nel caso dei rifiuti inorganici, parliamo di sostanze come l’arsenico o il mercurio, considerati metalli pesanti;
  • Nel caso dei rifiuti organici, l’esempio più evidente è quello dei rifiuti provenienti da centri sanitari come ospedali o laboratori;
  • Rifiuti pericolosi radioattivi: si tratta di rifiuti che emettono radiazioni, come quelli di uranio o plutonio. Si tratta principalmente dei rifiuti prodotti nelle centrali nucleari.

GESTIONE DEI RIFIUTI PERICOLOSI

Quando si gestiscono i rifiuti pericolosi, è necessario tenere conto di diversi fattori. In primo luogo, possono essere maneggiati solo da persone addestrate a farlo. Questo è il modo migliore per evitare una gestione irresponsabile, poiché coloro che gestiscono i rifiuti pericolosi hanno ricevuto la formazione specifica e necessaria per farlo nelle condizioni di sicurezza obbligatorie.

gestione rifiuti pericolosi

In secondo luogo, va ricordato che la gestione dei rifiuti pericolosi deve sempre essere effettuata con il materiale e gli strumenti necessari. In questo senso, sono soprattutto gli indumenti o le attrezzature a impedire che i rifiuti pericolosi costituiscano una minaccia per la persona che li maneggia e l’ambiente circostante.

Infine, si deve anche tenere conto del fatto che ogni rifiuto pericoloso ha un modo specifico di essere gestito, che è stabilito dai protocolli di gestione corrispondenti a ciascun caso. Come si può intuire, la gestione dei rifiuti radioattivi non sarà la stessa di quella dei rifiuti organici tossici. A seconda del caso, il protocollo e le misure di sicurezza necessarie saranno diverse e specifiche e la gestione di tali rifiuti dovrà essere adattata ai protocolli stabiliti in ciascuna eventualità.

In molti casi, devono essere consegnati a un gestore di rifiuti tossici autorizzato per essere gestiti correttamente dall’inizio alla fine. Pertanto, questi rifiuti hanno requisiti aggiuntivi per lo stoccaggio, il trasporto e il trattamento.

  • Stoccaggio: i rifiuti devono essere conservati in condizioni di sicurezza e con particolare attenzione all’igiene per un periodo di 6 mesi. Inoltre, i rifiuti pericolosi non devono essere mescolati tra loro;
  • Imballaggio ed etichettatura: i rifiuti pericolosi devono avere informazioni corrette sull’imballaggio;
  • Legalità: i produttori di rifiuti pericolosi devono tenere un registro della loro produzione e destinazione, avere l’autorizzazione amministrativa appropriata, segnalare eventuali incidenti, fare una dichiarazione annuale della produzione e utilizzare documenti ufficiali;
  • Prevenzione: é necessario preparare e presentare uno studio di minimizzazione dei rifiuti pericolosi.

COME DISTINGUERE GLI IMBALLAGGI PERICOLOSI IN CASA?

Normalmente, sull’etichetta o sulla scheda di sicurezza del prodotto o della materia prima che utilizziamo, troviamo i pittogrammi corrispondenti che ci aiutano a chiarire qualsiasi dubbio sui nostri rifiuti. Un materiale o un prodotto scartato deve essere gestito come rifiuto tossico o speciale quando presenta una delle seguenti caratteristiche:

  • Esplosivo
  • Combustibile
  • Infiammabile
  • Irritante
  • Nocivo
  • Tossico
  • Cancerogeno
  • Infettivo
  • Mutageno
  • Ecotossico

Alcuni esempi di rifiuti pericolosi sono: la maggior parte degli oli, i solventi, gli assorbenti, le batterie al piombo, gli aerosol, le batterie al Ni-Cd o al mercurio, gli apparecchi elettrici, i reagenti di laboratorio, i residui di vernice e le lampade fluorescenti.

Pertanto, se siete produttori di rifiuti, non dimenticate che è di fondamentale importanza sapere come trattarli correttamente in modo da non compromettere la vita delle persone che vivono nei dintorni o l’ambiente circostante.

Ti potrebbero interessare
Cop27 di Sharm el-Sheikh (Egitto)
COP27: consenso sul fondo Loss&damage, male sugli impegni di decarbonizzazione

Un momento storico per la giustizia climatica e un’occasione persa per ridurre le emissioni e implementare piani di adattamento. Si…

Leggi adesso arrow_right
Emissioni di anidride carbonica
Clima: secondo la scienza non siamo sulla strada giusta per la mitigazione

Secondo l'UNEP non è in atto nessun percorso credibile per fermare l’aumento di temperatura del pianeta a +1,5 °C .

Leggi adesso arrow_right
Serbatoi di ammoniaca
Ammoniaca verde: combustibile e accumulatore di energia del futuro

L’ammoniaca è un composto chimico usato per la sintesi dei fertilizzanti moderni. Oltre a esser determinante per lo stoccaggio e…

Leggi adesso arrow_right