News

Compensazione co2: da sola non basterà a fermare il cambiamento climatico

Data 14/03/2022
Tipo News

La compensazione co2, anche conosciute come carbon offset, sono una pratica che sta conoscendo una crescita davvero esponenziale negli ultimi tempi.  La logica è che, dato che la CO2 emessa nell’atmosfera danneggia l’intero pianeta, la si può compensare ovunque – preferibilmente da qualche parte dove è più facile ed economico farlo. Probabilmente la prima cosa che viene in mente quando si pensa alle compensazioni sono gli alberi – piantarli o proteggerli dall’abbattimento; si possono però anche pagare progetti di efficienza energetica o energia rinnovabile – come l’eolico, il solare e il biogas.  Le compensazioni sono uno degli strumenti che si possono utilizzare in una più ampia Strategia di carbon neutrality, utile per ridurre l’impronta carbonica della propria azienda.

La maggior parte dei progetti di compensazione di carbonio sono situati nel Sud del mondo, ma ce ne sono anche alcuni in Europa. Esistono inoltre compensazioni obbligatorie e volontarie.  Le compensazioni obbligatorie sono compensazioni che le aziende devono comprare per rimanere sotto la quantità massima di carbonio che possono emettere all’anno.  Questo meccanismo è stato istituito dal protocollo di Kyoto e aggiornato nell’accordo di Parigi.  Il mercato obbligatorio costituiva la fetta principale delle compensazioni, ma questo sta cambiando rapidamente.   

Le pratiche di compensazione co2

L’energia rinnovabile così come la silvicoltura e i progetti di uso del suolo sono attualmente di gran lunga le compensazioni più popolari.  C’è solo un piccolo problema: molte delle compensazioni di carbonio semplicemente non compensano il carbonio. Ci sono infatti molti trucchi e pratiche scorrette nelle compensazioni del carbonio, tramite cui una tonnellata di carbonio finisce per diventare mezza tonnellata di carbonio e in molti casi anche zero tonnellate di carbonio.     

pagare per avere una compensazione co2
Pagare per compensare le proprie emissioni

La compensazione ha una storia molto lunga e ben documentata di problemi con la validità dei progetti di compensazione del carbonio. Un importante studio del 2016 della Commissione europea ha scoperto che l’85% delle compensazioni di carbonio obbligatorie che il protocollo di Kyoto aveva messo in atto non stavano diminuendo la CO2 nell’atmosfera. E non è cambiato molto da allora.  Com’è possibile?  Ciò ha a che fare con la natura molto complessa delle compensazioni di carbonio.  La domanda è se il progetto che si sta finanziando sarebbe comunque stato avviato e, se questo è il caso, allora il pagamento non sta davvero facendo la differenza. Ad esempio: l’installazione di parchi eolici in India, che sarebbe avvenuta anche senza i fondi provenienti dai progetti di compensazione.  

Il problema della riforestazione come pratica di carbon offsetting  

Anche il piantare alberi o i progetti di conservazione del terreno possono essere problematici. L’abbiamo spiegato in manieri approfondita in questo articolo sulla riforestazione. In sostanza, gli alberi sono certamente grandi sequestratori di CO2 – ma solo finché vivono.  Molti dei progetti sulla carta hanno promesso che le piantagioni rimanessero per un tempo molto lungo, poi dopo dieci anni si scopre che il sito non c’è più.  Per esempio: le immagini satellitari raccolte da Pro Publica in Cambogia mostrano come nelle aree forestali che avrebbero dovuto essere completamente protette, metà della foresta è stata disboscata nell’arco di dieci anni.  Gli incendi boschivi sono un altro grande rischio. L’imboschimento e la riforestazione sono visti come così problematici che l’UE non li permette come compensazioni obbligatorie.  Quindi, per quanto siano popolari, non sono la scommessa più sicura.   

La prossima domanda è: il problema andrà altrove?  Diciamo che si comprano compensazioni di carbonio per aiutare a salvare l’Amazzonia dalla deforestazione in Brasile.  Forse questo sposterà il problema in parti dell’Amazzonia che non sono protette.  E la foresta pluviale verrà disboscata nel vicino Perù.  E infine, ma certamente non meno importante, c’è il problema del doppio conteggio.   

La necessità creare un’istituzione di controllo e certificazione   

Molti progetti di carbon offset non compensano il carbonio, e alcune compensazioni di carbonio possono anche aiutare le grandi corporazioni a fare greenwashing.  Ma – e i calcoli dell’IPCC lo dimostrano – sarà estremamente difficile raggiungere i nostri obiettivi climatici senza qualche forma di compensazione.   

Quindi cosa dovremmo fare? Ci deve essere una funzione di supervisione, un sistema, un’istituzione che possa veramente vigilare contro gli imbrogli e sul modo in cui i progetti di compensazione del carbonio vengono gestiti.  Esistono già sono certificazioni internazionali che dovrebbero garantire la qualità, come il Gold Standard e il Verified Carbon Standard – ma anche queste non sono sempre a tenuta stagna, e le certificazioni sono volontarie.  Inoltre, c’è anche bisogno di un cambiamento nel tipo di progetti su cui ci si concentra.  Gran parte del mercato fino ad oggi è stato orientato verso una mitigazione più economica e dobbiamo capovolgere la situazione.  Concentrarsi su dove l’investimento è necessario per portare un cambiamento trasformazionale.  Ma prima di tutto dovremmo sempre iniziare a chiederci: come posso ridurre o prevenire le emissioni.  Questa deve essere la prima opzione.  Molte aziende lo affermano chiaramente nelle loro strategie net zero.  Ma spesso non è chiaro quante delle tonnellate di emissioni vengono ridotte – e quali vengono compensate.  Le grandi aziende inquinanti stanno cercando di trovare una via d’uscita dall’intraprendere azioni reali per affrontare l’emergenza climatica.  Il mondo non può compensare la sua via d’uscita dal cambiamento climatico, tutti dobbiamo ridurre le emissioni e farlo rapidamente.   

Ti potrebbero interessare
i settori coinvolti per raggiungere net zero
Net Zero (2050): un'opportunità di investimento storica 

Net Zero indica l'impegno a ridurre le emissioni al limite del possibile, compensando quelle rimanenti attraverso l'assorbimento.

Leggi adesso arrow_right
green procurement catene di fornitura
Green Procurement: perché è [molto] importante avere filiere di fornitura sostenibili nel 2022?

Green procurement significa costruire catene di fornitura sostenibili. E' necessario coinvolgere i fornitori, richiedere trasparenza e stabilire indicatori.

Leggi adesso arrow_right
piatti e posate di bioplastica
Bioplastiche: che cosa sono, esempi e smaltimento

Le bioplastiche sono ottenute da materiali naturali. Per uno smaltimento corretto sono però necessari appositi impianti di compostaggio.

Leggi adesso arrow_right