News

Sottoprodotti, senza certezza su riutilizzo sono rifiuti

di Francesco Petrucci

Data 05/10/2022
Tipo Aggiornamento normativo
rivista rifiuti

Il sottoprodotto per essere qualificato come tale e non essere qualificato come “rifiuto” deve rispettare rigorose condizioni tra cui la certezza del riutilizzo.

Così la Corte di Cassazione (sentenza 27 settembre 2022, n. 36555) respingendo le doglianze contro un provvedimento di sequestro di un’area in Lombardia dove erano state realizzate opere di rimodellamento del terreno, utilizzando scarti della lavorazione di lapidei e altri materiali (asfalto, cemento, piastrelle, laterizi, bancali di legno, sfridi e limi della lavorazione di lapidei), da considerare come rifiuti e non sottoprodotti come pretendeva l’impresa ricorrente.

Una sostanza o un oggetto può essere qualificato “sottoprodotto” e quindi non rifiuto se soddisfa le condizioni di cui all’articolo 184-bis, comma 1, o rispetta i criteri stabiliti in base all’articolo 184-bis, comma 2, Dlgs 152/2006. Tali requisiti devono sussistere contestualmente. Nel caso di specie la mancanza di certezza del riutilizzo (desunta dai Giudici di merito, in modo logico, dalla mancanza di un piano di caratterizzazione e dal mero accumulo sul terreno di tali residui), esclude che essi possano essere qualificati come sottoprodotti, a prescindere dalla indagine in ordine al carattere delle operazioni cui sottoporli per il riutilizzo.

documenti di riferimento

Area Normativa / Rifiuti / Giurisprudenza

Sentenza Corte di Cassazione 27 settembre 2022, n. 36555

Rifiuti – Sottoprodotti ex articolo 183, comma 1, lettera qq), Dlgs 152/2006 – Qualifica – Rispondenza alle condizioni dell’articolo 184-bis, comma 1 e soddisfacimento dei criteri di cui all’articolo 184-bis, comma 2, Dlgs 152/2006 – Certezza del riutilizzo – Necessità – Sussistenza – Sequestro area ove era ubicata una discarica autorizzata – Violazione articolo 256, commi 1, 2 e 3, Dlgs 152/2006 – Legittimità – Sussistenza

Area Normativa / Rifiuti / Normativa Vigente

Dlgs 3 aprile 2006, n. 152

Norme in materia ambientale – Stralcio – Parte IV – Gestione dei rifiuti, imballaggi e bonifica dei siti inquinati

Speciali

SPECIALE Sottoprodotti, “Mps” & “End of waste”

Lo Speciale che effettua una ricognizione sul confine tra ciò che, alla luce del diritto ambientale, è “rifiuto” e ciò che non lo è, offrendo in particolare gli strumenti per comprendere le differenze concettuali (ed i relativi riflessi operativi) tra le diverse categorie giuridiche di “sottoprodotto”, “Mps” ed “End of waste”

DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO
© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di ReteAmbiente Srl, Milano e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo.

Ti potrebbero interessare
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Riciclo plastica, novità in arrivo nel Ddl Bilancio 2023

Secondo quanto previsto dallo schema di Ddl di Bilancio 2023 al vaglio delle competenti Istituzioni, sono in arrivo incentivi per…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Qualità dell'aria, lontani dagli obiettivi 2030

Anche gli ecosistemi subiscono i danni da inquinamento, con livelli dannosi di azoto rilevati nel 75% degli ambienti Ue, dati…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Schema di regolamento Ue, tutti gli imballaggi riciclabili entro 2030

Un aggiornamento della normativa Ue sugli imballaggi nel segno del riciclo di qualità entro il 2030 è quello oggetto della…

Leggi adesso arrow_right