News

Come avviene il riciclo della plastica e qual è il suo obiettivo?  

Data 01/08/2022
Tipo News
riciclo della plastica

La plastica rappresenta una minaccia per gli ecosistemi, in particolare per la vita marina.  È nei mari e negli oceani che si deposita la maggior parte di questo tipo di rifiuti, che a volte vengono dispersi sul fondo marino sotto forma di microplastiche. Dal 1950 sono stati prodotti più di 8 miliardi di tonnellate di plastica di ogni tipo in tutto il mondo. Come si possono fermare queste cifre? Il riciclo della plastica è fondamentale, così come la sensibilizzazione delle istituzioni, delle imprese e della società in generale. Ridurre il consumo di imballaggi, utilizzare sacchetti riciclabili e riciclare la plastica è dunque essenziale per aiutare il pianeta. 

L’immagine della sofferenza di una tartaruga con una rete di plastica in bocca è nella mente di tutti. Come anche le fotografie dell’Isola della Spazzatura, nel nord dell’Oceano Pacifico tra la California e le Hawaii, dove secondo uno studio della rivista Nature i rifiuti si estendono su 1,6 milioni di chilometri quadrati (quasi tre volte la Francia) e contengono quasi 80.000 tonnellate di plastica. Ogni minuto vengono acquistate un milione di bottiglie di plastica e ogni anno vengono utilizzati 500 miliardi di sacchetti.

Ogni anno finiscono negli oceani otto milioni di tonnellate di plastica .  

La plastica, presente in molti prodotti, è composta da polimeri di resina e sostanze a base di petrolio che vengono modellati mediante pressione e calore. Anche se possono essere naturali se provengono da materie prime vegetali, i sintetici sono i più diffusi. Realizzate con composti derivati dal petrolio, dal gas naturale o dal carbone, le plastiche possono essere di molti tipi, ma quattro sono i principali:

  • Polietilene (PE). Si trova in sacchetti di plastica, fogli e pellicole di plastica, contenitori, microsfere cosmetiche e prodotti abrasivi.
  • Poliestere (PET). Si trova in bottiglie, imballaggi e indumenti.  
  • Polipropilene (PP). Fa parte di elettrodomestici o parti di veicoli.  
  • Cloruro di polivinile (PVC). Presente in tubi, valvole o finestre.  

Il processo di riciclo della plastica  

Come per materiali come il vetro o la carta e il cartone, il riciclo della plastica prevede diverse fasi.  

  1. Deposito dell’imballaggio nel contenitore corrispondente. Questo è senza dubbio il primo passo nella contro la plastica mediante il suo riciclaggio. Il lavoro dei cittadini e delle imprese è essenziale a questo scopo. Ma cosa si può mettere nei contenitori per il riciclo? Imballaggi in plastica (come le bottiglie di ammorbidente), imballaggi in metallo (come le lattine) e tetrabrik (come i cartoni del latte o del succo di frutta). È anche possibile depositare vassoi di sughero.  
  2. Raccolta e trasferimento all’impianto di selezione. Tutti gli imballaggi inseriti nell’apposito contenitore vengono trasferiti in un impianto, dove i materiali vengono smistati e classificati per colore.  
  3. Frantumazione e lavaggio. Una volta selezionati, i contenitori vengono schiacciati e lavati per eliminare le impurità. Effettuata questa fase, vengono essiccati e centrifugati per eliminare eventuali residui. In seguito sono omogeneizzati con un processo meccanico per ottenere un colore e una consistenza uniformi.  
  4. Generazione di un nuovo contenitore o prodotto. Dopo un’ulteriore purificazione del materiale, la plastica è pronta per ricevere una nuova forma e un nuovo colore a seconda delle esigenze, passando successivamente attraverso i controlli di qualità. 

Gli usi della plastica riciclata e dei prodotti che se ne possono ricavare sono molteplici. Questo materiale si può riutilizzare sotto forma di nuovi imballaggi, scarpe, vestiti, accessori; alcuni lo hanno persino utilizzato per creare una barca e altri gli hanno dato una seconda vita sotto forma di strumento musicale.  

Obiettivo: ridurre la plastica per aiutare l’ambiente  

Oltre al riciclo della plastica, è necessario attuare misure che aiutino a ridurre il consumo di imballaggi in plastica e a sviluppare nuove soluzioni per sostituirli.  

Il primo passo nel tentativo umano di ridurre l’impronta della plastica è la produzione di polimeri biodegradabili attraverso l’uso di additivi. Tuttavia, questo non risolve il problema della sua origine petrolchimica, dovendo utilizzare una fonte di energia non rinnovabile. Si sta lavorando anche per produrre bioplastiche da materiali come l’amido o la cellulosa.  

Anche la biotecnologia potrebbe giocare un ruolo importante in questo scenario, in quanto potrebbe essere utilizzata per creare microrganismi in grado di degradare tonnellate di rifiuti che continuerebbero a essere generati nonostante il riciclaggio o la creazione di nuove plastiche più sostenibili.  

Eliminare la plastica monouso: alcune istituzioni si stanno adoperando per promuovere misure di riduzione della plastica, come il governo peruviano, che nell’ambito della COP25 ha lanciato la campagna “Promesas en Plastico“, legata a diversi impegni:  
Il Consiglio dell’Unione Europea ha approvato nel marzo 2019 la direttiva SUP (single use plastic), con l’obiettivo di eliminare le plastiche monouso come:  

  • Posate di plastica monouso (cucchiai, forchette, coltelli e bacchette).  
  • Piatti di plastica monouso.  
  • Cannucce  
  • Auricolari di cotone in plastica.  
  • Bastoncini di plastica per palloncini.  
  • Plastica oxo-degradabile e contenitori per alimenti.  

Alla quarta assemblea delle Nazioni Unite sull’ambiente è stato raggiunto un accordo globale in linea con quello dell’UE per eliminare la plastica monouso entro il 2030.  

Ti potrebbero interessare
climate change
Circularity Gap: la circolarità è in stallo

Il tasso di circolarità, misurato come ogni anno dal think tank Circle Economy, si ferma al 7,2% proprio come lo…

Leggi adesso arrow_right
Deep sea mining, il parlamento norvegese apre all'esplorazione degli oceani

Il 9 gennaio la Norvegia è diventata il primo Paese al mondo ad aprire la strada all’esplorazione mineraria oceanica.

Leggi adesso arrow_right
RAEE, in decrescita la raccolta dei rifiuti elettronici

La raccolta RAEE diminuisce del 6% rispetto all'anno scorso. Comportamenti degli italiani e la raccolta illegale sono i principali problemi.

Leggi adesso arrow_right